Quando scade l’olio extravergine di oliva?

Indice

Quando scade l’olio extravergine d’oliva? Questa è una delle domande maggiormente digitate sul web. Per poter rispondere correttamente e in modo approfondito ai vostri dubbi dobbiamo prima fare una distinzione tra i diversi tipi di olio di oliva. Le tipologie sono molteplici ma possiamo in questo caso distinguere tre branche: fruttato leggero, medio e intenso.

Quando scade l’olio extravergine d’oliva?

  • L’olio d’oliva fruttato leggero avendo in sé una minor quantità di polifenoli dovrà essere consumato entro i 12 mesi anche se è conservato con grande attenzione.
  • L’olio d’oliva fruttato medio potrà consumarsi in anche 2 anni perché ha al suo interno maggiore quantità di polifenoli che aiutano la conservazione.
  • La tipologia di olio di oliva fruttato intenso, avendo una maggiore concentrazione di polifenoli che ne preservano le proprietà organolettiche, può essere conservato sino a 3 anni.

È doveroso aggiungere, in merito alla conservazione dell’olio, che questi tempi indicati sono quelli che designano quanto a lungo le proprietà organolettiche rimangono inalterate. Sostanzialmente sarebbe meglio consumare l’olio d’oliva di qualsiasi tipologia entro circa 12/18 mesi da quando è avvenuta l’estrazione. Questo anche perché è veramente difficile mantenere perfette le modalità di conservazione.

Un’altra differenza in merito alla conservazione è da farsi sull’olio non filtrato e l’olio filtrato. Quello con maggiore filtraggio in lavorazione dura di più (almeno 18 mesi) grazie all’azione benefica delle proprietà antiossidanti; rispetto al non filtrato che ha un limite di conservazione inferiore pari circa a 12 mesi.

Scadenza olio d’oliva: le normative e i regolamenti

È opportuno fare innanzitutto una distinzione tra le due terminologie utilizzate nella normativa Europea in merito alla conservazione degli alimenti quando si parla di “scadenza”  e “termine minimo di conservazione” .

La scadenza di un prodotto alimentare: sta ad indicare innanzitutto che sono dei prodotti altamente deteriorabili come ad esempio il latte, la carne, il pesce che altrimenti porterebbero a dei gravi rischi nella salute della persona che li ingerisce dopo la data.

I prodotti con la dicitura da “consumare preferibilmente entro”: sono detti così perché  anche se passa il termine indicato non è detto che siano a rischio per la salute umana ma solo che abbiano perso la loro freschezza e proprietà massima organolettica.

In merito all’olio extra vergine d’oliva la data in cui è “preferibile consumarlo” è di 18 mesi dall’imbottigliamento obbligatoriamente da inserire su etichetta, ben visibile e leggibile.

Questo indica, in parole povere, che è preferibile consumarlo entro i 18 mesi così che si possa davvero assaporare al meglio il suo sapore leggermente amaro e piccante, peculiarità tipiche dell’olio nuovo.

L’olio dovrà essere sempre conservato in un luogo fresco, lontano da fonti di calore e nella sua bottiglia scura cosicché la luce non ne alteri le proprietà e lo ossidi.

A differenza di quanto si possa pensare, l’olio non è come il vino, cioè non migliora invecchiando anzi. Pur restando commestibile assume via via un sapore dolce e si iniziano a perdere i sentori piccanti e amari tipici della freschezza.

Quando scade l’olio extravergine d’oliva cosa succede?

Se l’olio d’oliva scade non avviene nulla di particolarmente insidioso. Come già anticipato precedentemente: l’olio anche a distanza di due anni dalla sua estrazione è commestibile e non crea danni la sua ingestione, tuttavia il suo sapore potrebbe alterarsi perdendo le note amare e piccanti tipiche dell’olio nuovo, variando il suo colore brillante a causa di un’ossidazione in atto. Vi ricordiamo che sarebbe meglio consumarlo subito, e che dopo tre anni e più non è buona cosa impiegarlo per uso alimentare.

Conservatelo sempre in modo adeguato mettendolo al riparo dalla luce, lontano da fonti di calore e se non siete sicuri di consumarlo di sovente optate per bottiglie più piccole anziché lasciarlo aperto troppo a lungo. Mai collocarlo all’interno del frigorifero o in bottiglie trasparenti, metterete in atto l’ossidazione anticipando il suo deterioramento.

 

Condividi questo articolo!

Articoli Correlati

Olio e cucina

Si può friggere con l’olio di oliva?

Si può friggere con l’olio di oliva o bisogna utilizzarlo solo a crudo? Qualè la giusta temperatura dell’olio affinché non raggiunga il punto di fumo

Olio e cucina

Olio di oliva: come leggere le etichette

Da anni ci occupiamo di olio di qualità e vogliamo rendere i nostri consumatori sempre più consapevoli perché crediamo fermamente che imparando a leggere l’etichetta

Menu principale