“E’ davvero un bell’albero, l’albero di ulivo. Ha sempre accompagnato tutti noi che siamo nati e cresciuti qui.” cit. Nonna RosaBianca 

A volte, noi che siamo cresciuti all’ombra delle sue foglie, diamo per scontato cosa sia l’albero di ulivo ma ci sembra giusto dedicare un momento solo a lui. Raccontare chi è, come cresce e come si presenta.

Se siete stati in Liguria, almeno una volta nella vostra vita, non potete non averlo ammirato. Se ne sta lì, sospeso tra i nostri maxei (fasce) a godersi il sole e il vento della nostra terra.

Sebbene lo si possa considerare produttivo dopo 3 anni, perchè l’ulivo possa essere degno di questo nome ha bisogno di circa 20 anni…del resto la sua vita produttiva può protrarsi per oltre 600 anni, perchè mai dovrebbe avere fretta di crescere!

L’ulivo ha un tronco dalla forma unica e caratteristica: contorto, spesso inclinato e con un fusto nodoso. Si direbbe un albero dal carattere ostile ma in realtà è un albero generoso che ci regala ogni anno frutti meravigliosi!

Solitamente ha un’altezza di 10 mt, la nostra tradizione, infatti, ha sempre prediletto uno sviluppo verticale della pianta forse anche per la conformazione del nostro territorio.

Le sue foglie si presentano con una grandezza media. Sono più larghe sulla punta e hanno un colore verde pallido che invece risulta più brillante nella parte superiore e argenteo in quella inferiore.

I fiori dell’ulivo non si presentano singolarmente ma sono riuniti in piccoli grappoli, più comunemente chiamati mignole (o pane per i contadini liguri). Quando sull’albero si iniziano a notare questi grappoli si dice che è partita la fase della mignolatura a cui segue la fioritura vera e propria. I fiori dell’ulivo hanno un delicato colore bianco con una punta di giallo all’interno.

Se volete vedere la fioritura dovete venire a trovarci tra maggio e giugno!

Finalmente è il momento di parlare dell’oliva Taggiasca…ma questa è un’altra storia!